La teoria del caos di Sara Boero

La teoria del caos: Sara Boero ci delizia con una storia d'amore drammaticamente profonda. Qui la recensione

La teoria del caos
Sara Boero
Salani editore
Recensione
La bottega delle recensioni


Con "La teoria del caos" penso di aver battuto i miei record di lettura. Ho iniziato ieri e stanotte era già finito. Per pochi romanzi  c'è stata così passione, tale da annullare gli impegni circostanti e dedicarsi completamente al libro. Vi auguro un sereno Sabato Santo (per i credenti) e un felice weekend (per i non credenti) dandovi questo consiglio di lettura. Di seguito scheda tecnica e recensione. 


Scheda tecnica

Titolo: La teoria del caos
Autrice: Sara Boero
Casa Editrice: Salani
Pagine: 217

Trama
Miriam e Evan hanno bisogno l'uno dell'altra. Di certo lui non è come gli altri: talvolta è insolente e arrogante, al punto da trattarla male senza motivo; altre volte l'intensità del suo amore è più di qualunque cosa Miriam desideri al mondo. E di certo è un tipo strano: vive rinchiuso nel suo appartamento senza il minimo desiderio di uscirne, mentre Miriam ha una vita sua, un suo lavoro e non rinuncia mai alla propria dolce-amara ironia. Eppure, anche lei in qualche modo è aliena al mondo reale: vive con leggerezza, quasi che niente riesca davvero a toccarla. Evan si protegge dalla realtà perché non ha filtri, Miriam si protegge perché ne ha troppi... Una storia d'amore tra un giovane uomo e una giovane donna a cui l'amore non basta mai; due caratteri incompatibili, uniti da un lato oscuro che cambierà le loro vite per sempre. ( Tratta da sito ufficiale Casa editrice: qui)

Recensione
"Con Evan era la stessa cosa.Restare in una stanza insieme a lui era come assistere a un numero di magia talmente ben riuscito da non far nemmeno provare allo spettatore l’impulso di cercare il trucco. Parole giuste, movimenti esatti. Il suo silenzio somigliava più che altro a una pausa dello spartito: una pausa eseguita alla perfezione" (Cit. La teoria del caos)
"Niente". Sei lettere giustificate al centro della pagina pongono fine alla storia d'amore più struggente che abbia mai letto negli ultimi due anni. Non vado alla ricerca del dramma- e non dico che questo libro lo sia- ma è innegabile l'alto livello di pathos della storia. 

Miriamo e Evan sono i protagonisti di una trama raccontata su più livelli temporali che permettono al lettore di conoscere i retroscena dei due fidanzati, quasi amanti rispetto agli occhi del mondo. Evan è un ragazzo dal passato difficile: una madre persa in tenera età a causa della droga, un padre assente, un cervello da far invidia ma...uno schifo per il mondo e per la gente che lo popola
Miriam, ragazzina tranquilla, inevitabilmente attratta dal ragazzino misterioso e a tratti curioso. Un bacio a quindici anni e poi nulla....solo più tardi non potranno fare a meno l'una dell'altra. 

"Le successe quella cosa che ti succede a quindici anni e poi non torna più, e passi la vita a ricordartela e a chiederti dove sarà finita. Quell’eccitazione pulita nella pancia che con il sesso non ha nulla a che vedere ma che va dritta a pulsare come sangue nel cervello fino a farti ronzare le orecchie, quel calore che dalle tempie si diffonde al cranio e ovatta tutto il resto rendendolo perfetto." ( Cit. La teoria del caos)
Scoprirete leggendo perché non sono una coppia "normale" e quanto, proprio per questo, siano uniti. Pagina dopo pagina si respira un amore dimenticato che nella sua bellezza tocca il cuore e fa piangere. Non sono perfetti, ma la purezza del loro sentimento coinvolge al punto di volere una storia così, di struggerti il cuore per conoscere quella sensazione di appartenenza profonda all'altro che pervade tutta la storia.

"La teoria del caos" è il romanzo di esordio di un'autrice che ha scelto di puntare sull'introspezione dei personaggi e di un amore non convenzionale. Una scelta vincente a mio parere se la si considera rapportata all'altro grande protagonista che incide nella vite di Miriam e Evan.
Il Destino si muove di nascosto nella trama, come una maschera che si svela solo alla fine e la Boero è stata bravissima ad esorcizzarlo in chiave metaforica.

Un libro che commuove, un libro dopo il quale desidererete amare fino al punto di dare la vita.

"è semplicemente naturale, quando fai qualcosa una prima volta, pensare che lo farai di nuovo una seconda, e una terza, enne volte. Il fatto è che si sa sempre quando è la prima volta che si fa qualcosa, Mentre la stai facendo per l'ultima volta invece non ne hai idea. Magari, a saperlo, te la godresti in modo diverso, o non te la godresti affatto"(Cit. La teoria del caos)




Commenti

La bottega delle recensioni

Post più popolari